home page chi siamo collaborazioni museali curriculum mostre contattaci link
 
Collezioni Private
Libri e non solo...

Questa sezione rappresenta la prima e la sola documentazione in rete d'opere futuriste provenienti da collezioni private, fondazioni ed archivi degli artisti, nonche' libri, manifesti, riviste, cataloghi originali dell'epoca e scritti autografi.
I collezionisti associati sono stati gratificati per l'ampia divulgazione delle loro opere in mostre nazionali ed internazionali.
L'archivio di Collezioni Private e' a disposizione di curatori, musei, critici d'arte, strutture pubbliche e private al fine di promuovere e contribuire ad esposizioni sul Movimento Futurista ed altri temi correlati.

ARCHIVIO
Libri
Manifesti
Riviste
Cataloghi
Cartoline
Scritti autografi

Ricerca avanzata
Ultimi contributi
torna indietro
Dettaglio opera
 
IL TEATRO DI VARIETA'. MANIFESTO FUTURISTA.


Ingrandisci Immagine
Codice
15
IL TEATRO DI VARIETA'. MANIFESTO FUTURISTA.
settembre 1913
milano
direzione del movimento futurista
Copie disponibili: 2
"il futurismo esalta il teatro di varieta' perche': 1. il teatro di varieta', nato con noi dall'elettricita', non ha fortunatamente tradizione alcuna, ne' maestri, ne' dogmi, e si nutre di attualita' veloce. 2. il teatro di varieta' e' assolutamente pratico, perche' si propone di ditrarre e divertire il pubblico con degli effetti di comicita', di eccitazione erotica o di stupore immaginativo. (...) 8. il teatro di varieta' e' il solo che utilizzi la collaborazione del pubblico (...). il futurismo vuole trasformare il teatro di varieta' in teatro dello stupore, del record e della fisicofollia. 1. bisogna assolutamente distruggere ogni logica negli spettacoli del teatro di varieta', esagerarvi singolarmente in lusso, moltiplicare i contrasti e far regnare sovrani sulla scena l'inverosimile e l'assurdo. (...) 3. introdurre la sorpresa e la necessita' d'agire fra gli spettatori della platea, dei palchi e della galleria. qualche proposta a caso: mettere della colla forte su alcune poltrone, perche' lo spettatore, uomo o donna, che rimane incollato, susciti l'ilarita' generale. (...) vendere lo stesso posto a 10 persone: quindi ingombro battibecchi e alterchi (...).

Autore


marinetti filippo tommaso