home page chi siamo collaborazioni museali curriculum mostre contattaci link
 
Esposizioni
IERI
Avvenimenti nazionali ed internazionali sul Futurismo e su altri temi correlati ampiamente documentati da comunicati stampa, testi critici ed immagini fotografiche.


Meccanica di ballerina, 1917








Progetto per manifesto Balli Plastici, 1918








Donna in vetrina, 1917








Donna + rosario, 1916








Villaggio luminoso, 1918








Ritmo di ballerine + clowns
 




Depero e il teatro musicale


Auditorium Parco della Musica

AuditoriumArte


11 dicembre 2007 - 31 gennaio 2008

a cura di Daniela Fonti e Claudia Terenzi












Con questa mostra dedicata a Fortunato Depero intendiamo proseguire il nostro programma in vista del centenario del futurismo. Certamente una delle personalità più versatili, eclettiche, gioiose del movimento, che più di ogni altro ha saputo coniugare l'arte all'aspetto quotidiano della vita, attraverso una fantasia multiforme, geniale.

 

Con il manifesto della Ricostruzione futurista dell'universo aveva teorizzato nel 1915, insieme a Balla, l'esigenza di espandere quella creatività cosi inconsueta, dinamica, plastica, vibrante, simultanea, propria della poetica futurista: "Noi futuristi, Balla e Depero, vogliamo realizzare questa fusione totale per ricostruire l'universo rallegrandolo, cioè ricreandolo totalmente".

 

Questa mostra presenta in particolare l'attività di Depero nell'ambito del teatro musicale e dei suoi rapporti con Roma tra il 1914 e l'inizio degli anni venti, attraverso dipinti, disegni, bozzetti, sculture, fotografie, documenti autografi.

 

 Una mostra, quindi, che pur illustrando uno degli aspetti della multiforme attività dell'artista, ne rivela il carattere ludico, l'originalità, la sua idea del teatro, il principio di dinamismo plastico cosi evidente nelle sue figure di ballerine, nel gioco ironico della caratterizzazione dei personaggi, nell'ideazione delle marionette, nelle figurazioni a volte meccaniche, quasi in una sintesi astratto-costruttivista, altre volte fiabesche, surreali.

 

Una sintesi, quindi, di ispirazione naturalista e astratta al tempo stesso, con un concetto di teatralità in cui si fondono plasticità, dinamismo, colore, suggestioni sonore.

 

Grazie al contributo determinante del MART, Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, che ha concesso gran parte dei prestiti e ha collaborato significativamente alla realizzazione della mostra, abbiamo potuto quindi presentare un'esposizione raffinata, scientificamente accurata e al tempo stesso spettacolare con la ricostruzione del teatro delle marionette per i Balli Plastici.

 

 Di conseguenza, il nostro riconoscimento va in primo luogo ai prestatori delle opere, ai curatori e a quanti hanno contribuito all'organizzazione della mostra.

 

 

Gianni Borgna Carlo Fuortes
Presidente Amministratore delegato
Fondazione Musica per Roma             Fondazione Musica per Roma

 

Catalogo edito da Skira editore, Milano.

 
torna indietro