home page chi siamo collaborazioni museali curriculum mostre contattaci link
 
Esposizioni
IERI
Avvenimenti nazionali ed internazionali sul Futurismo e su altri temi correlati ampiamente documentati da comunicati stampa, testi critici ed immagini fotografiche.
 




BALLA


La modernità futurista


Palazzo Reale, Milano

15 febbraio - 2 giugno 2008

a cura di:
Giovanni Lista
Paolo Baldacci
Livia Velani









Autoritratto, 1902
Autoritratto, 1902



Questa mostra si apre in perfetta coincidenza con il cinquantesimo anniversario della morte di Giacomo Balla (Torino, 18 luglio 1871 - Roma, 1 marzo 1958) e a distanza di quasi trentasette anni dall'ultima retrospettiva completa che gli sia stata dedicata (Roma, 23 dicembre 1971).;

Allora fu la Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma, diretta dalla Soprintendente Palma Bucarelli, a organizzare, a cura di Giorgio De Marchis e con la collaborazione di Livia Velani e Bernardina Sani, una rassegna di circa 135 opere che si avvaleva di un consistente apporto di prestiti provenienti dalle figlie dell'artista.

Oggi è il Comune di Milano, città non particolarmente familiare a Balla ma luogo di nascita e per alcuni anni centro principale del futurismo, ad aver promosso, con la collaborazione della Galleria Nazionale d'Arte Moderna, una mostra che ha l'ambizione di consentire, in una misura mai prima realizzata, un approccio globale al nucleo più importante dell'opera di questo grande artista: quello che dall'inizio del secolo giunge sino alla fine della sua esperienza futurista (1900-1928).

Oggi come allora, le opere che, in seguito alla donazione di Luce ed Elica Balla, sono passate dalla famiglia alla Galleria Nazionale costituiscono, insieme con gli acquisti del museo, l'asse portante della mostra, insieme a quelle prestate da importanti musei e collezioni private europee ed americane, e ci piace sottolineare una continuità tra i due eventi, a distanza di tanti anni, confermata dalla presenza tra i curatori attuali di una delle collaboratrici della rassegna di allora.

La cultura milanese e lombarda si è sempre identificala più in Boccioni che in Balla, privilegiando la figura dell'artista intellettuale e teorico rispetto a quella, in realtà non meno profonda e sicuramente più ricca di sviluppi, del creatore intuitivo e giocoso. Ma negli ultimi quarant' anni e soprattutto dopo il passaggio del secolo, gli studi sulle avanguardie storiche hanno conosciuto un profondo rinnovamento, che ha portato a nuove valutazioni e a nuovi parametri di giudizio, in base ai quali l'opera di Balla appare di una modernità straordinaria, perché non soggiace al filtro della storia, ma rivendica un'immediatezza di segno e di soluzioni linguistiche che corrispondono perfettamente alla sensibilità contemporanea.

La retrospettiva di Milano nasce dunque da queste esigenze: riproporre l'opera di uno dei grandi protagonisti del futurismo; portare per la prima volta Balla a Milano, cioè nella patria culturale di Boccioni; verificarne la modernità assoluta e la fortuna di cui gode presso gli artisti contemporanei.

I curatori non hanno voluto limitare il futurismo dell'artista alla prima fase storica del movimento, che si concluse con la guerra, ma estenderla ai pieni anni venti, proprio quando lo studio romano di Balla diventò il punto di riferimento e il centro propulsore dell'avanguardia italiana.

Rispetto alle ricerche e alle rassegne precedenti, globali e parziali, crediamo di aver portato un contributo soprattutto nel chiarire alcuni aspetti ancora oscuri delle origini della famiglia e degli studi formativi di Balla, nel dare un quadro ampio e variegato dei vari elementi che concorsero a determinare la fase iniziale della sua partecipazione al futurismo e nel fissare con maggiore precisione la cronologia di alcune serie di opere, come quelle dedicate alle "velocità d'automobile". In questo ambito si sono anche raggiunte delle certezze definitive nell'identificazione di dipinti molto importanti e nel riconoscimento dei loro titoli originali. Infine, riteniamo che la mostra e il catalogo si distinguano sia per la riproposta di alcune opere da tempo scomparse e recentemente ritrovate, sia per la particolare ampiezza data all'analisi dei temi sui quali Balla concentrò la sua ultima ricerca futurista nel decennio 1918-1928. Temi che propongono una vera e propria lettura del mondo non più in chiave di energia meccanica e tecnologica, ormai compromessa dalla guerra, ma attraverso la dialettica delle sensazioni e dell'energia vitale e cosmica che le determina.

 

Divisionismo e visione fotografica
 Lavorano, mangiano, ritornano
Lavorano, mangiano, ritornano, 1904
Fallimento (bozzetto)
Fallimento (bozzetto), 1902;

 

 

Analisi del movimento. Ritmi del movimento organico
 Bambina moltiplicato balcone
Bambina moltiplicato balcone, 1912
(Volo di rondini)
(Volo di rondini) 1913 

 

 

Analisi del movimento. Movimento della luce
 Senza titolo (Studio per Compenetrazione iridescente radiale - vibrazioni prismatiche)
Senza titolo (Studio per Compenetrazione iridescente radiale - vibrazioni prismatiche), 1913-1914
Compenetrazione iridescente n.10
Compenetrazione iridescente n.10, 1913

 

 

Analisi del movimento. Velocità meccanica
 Dinamismo + dispersione, (Automobile in corsa)
Dinamismo + dispersione, (Automobile in corsa), 1913-1914
 Velocitá astratta
Velocitá astratta 1913
 Linea di velocitá astratta
Linea di velocitá astratta, 1914
Linea di velocitá astratta, 1914
Linea di velocitá astratta, 1914

 

 

Analisi del movimento. Vortici e le rotazioni celesti
 Tutto si muove
Tutto si muove, 1913-1914
Il pianeta Mercurio passa davanti al sole nel telescopio
Il pianeta Mercurio passa davanti al sole nel telescopio, 1914

 

 

Ricostruzione futurista dell'universo. Paroliberismo
 Rumoristica plastica Baltrr
Rumoristica plastica Baltrr, 1914
Bozzetto di manifesto per la mostra personale alla Galleria Angelelli, Roma
Bozzetto di manifesto per la mostra personale alla Galleria Angelelli, Roma, 1915

 

 

Ricostruzione futurista dell'universo. Arte postale
 Cartolina a Clara Caillot (fronte)
Cartolina a Clara Caillot (fronte), 1920
Cartolina a Clara Caillot (retro)
Cartolina a Clara Caillot (retro), 1920

 

 

Ricostruzione futurista dell'universo. La moda
L'abito maschile futurista
L'abito maschile futurista, 1914

 

 

Ricostruzione futurista dell'universo. I complessi plastici
 Il pugno di Boccioni
Il pugno di Boccioni, 1918-1919
Complesso plastico colorato di frastuono + velocitá
Complesso plastico colorato di frastuono + velocitá, 1914

 

 

Ricostruzione futurista dell'universo. Lo spazio scenico
 Bozzetto di scena plastica per Feu d'artifice
Bozzetto di scena plastica per Feu d'artifice, 1916-1917
Bozzetto per il balletto Cielo e ciglia di Cangiullo
Bozzetto per il balletto Cielo e ciglia di Cangiullo, 1921.jpg

 

 

Ricostruzione futurista dell'universo. Oggetto e vita quotidiana
 Fiore futurista arancione e verde
Fiore futurista arancione e verde, 1920 circa
Fiori + volumi di spazio
Fiori + volumi di spazio, 1920

 

 

Arte-azione futurista
 Iniezione di futurismo
Iniezione di futurismo, 1918
Manifestazione patriottica
Manifestazione patriottica, 1915

 

 

Sensazioni ed energie
 Linee forza di paesaggio + ametista
Linee forza di paesaggio + ametista, 1918 circa
Espansione di primavera - Estate - Dissolvimento autunnale
Espansione di primavera, 1918 - Estate, 1918 - Dissolvimento autunnale, 1918
 Trasformazione forme spiriti, 1918 circa
Trasformazione forme spiriti, 1918 circa

 

 

 

Accrediti Stampa

Ufficio Stampa Lucia Crespi | tel 02 89415532
lucia@luciacrespi.it

Apertura al pubblico

Palazzo Reale - Piazza Duomo 12, Milano
15 febbraio - 2 giugno 2008
lunedì 14.30 - 19.30
da martedì a domenica 9.30 – 19.30
giovedì 9.30 – 22.30
Il servizio di biglietteria termina un'ora prima della chiusura della mostra
 
Festività: aperto il 23 e 24 marzo | 25 aprile | 1° maggio | 2 giugno

Biglietti

 € 9,00 intero
 € 7,00 studenti, tesserati TCI, over 60, bambini dai 6 ai 18 anni
 € 4,50 ridotto speciale gruppi studenti
 Gratuito: bambini fino a 5 anni, disabili con accompagnatore.

Informazioni e prenotazioni

 www.vivaticket.it
 punti vendita autorizzati Vivaticket
 899 666 805 (servizio a pagamento)

 Prenotazione gruppi e scuole

 Charta 199 112 112
 Ad Artem 02 6597728

Approfondimenti:

Attività didattiche

 

 

 

Catalogo edito da Skira editore

 
torna indietro