home page chi siamo collaborazioni museali curriculum mostre contattaci link
 
News
Informazioni su mostre, conferenze, presentazione libri futuristi ed altro selezionate da Futur-ism.

Ricerca avanzata

torna indietro
Dettaglio notizia
 
Quello che ho imparato da Giacomo Balla

Quello che ho imparato da Giacomo Balla. Balle e Dorazio

Futurism & co. Art Gallery - Roma Via Mario de fiori 68

dal 20 ottobre 2017 al 8 gennaio 2018

A cura di Giancarlo Carpi

La mostra presenta oltre 25 lavori di Giacomo Balla e di Piero Dorazio tra i quali quattro 'compenetrazioni iridescenti', due reticoli e una rara composizione astratta polimaterica della fine degli anni 40 (Sviluppo orizzontale di una cornamusa dolcissima, 1948). Il raffronto tra i due maestri dell'astrattismo italiano avviene per consonanze formali tra singoli lavori. L'indagine dei colori puri in Dorazio richiama le compenetrazioni iridescenti di Balla piu' cromaticamente scandite (in ricerca di vibrazioni cromatiche o del colore puro) (La corsa, 1968) mentre l'aspetto fitomorfo di altri esempi di quella serie puo' riprendere le configurazioni interne e sovrapposte di alcuni reticoli (Textur 1962). Un'altra costante e' il carattere dinamico, tra dinamogrammi e intrecci di linee-volume, in Balla, e le scomposizioni oggettuali di Dorazio, nell'escursione, per entrambi, tra una polarita' piu' diagrammatica (Il ponte di Carlo, 1947), e un'altra piu' sensuale e sinestetica. Volendo un raffronto per contrasto parziale si ha tra le vibrazioni piu' informi e frementi di alcune carte doraziane e il dinamismo di alcune minute figure balliane o, inaspettatamente, tra reticolati non strutturali e segni onomatopeici di Balla nella trasfigurazione astratta di un momento o di una atmosfera. A tal proposito, nella mostra sono riunite per la prima volta dopo molti decenni le due versioni di Rumoristica plastica Baltrr di Giacomo Balla (1914 e 1916).