home page about us partnerships museums curriculum exhibition contact us link
 
News
Informations on exhibitions, conferences, introduction to futurist books and so on selected by Futur-ism.

Advanced search

back
Detail
 
Il ruggito della velocita'

Il ruggito della velocita'. Miti e modernita' della Targa Florio motociclistica

Real Albergo dei Poveri Corso Calatafimi 217 Palermo

Novembre 2017- Gennaio 2018 (tbd)

Con “Il ruggito della velocita'”, la Sicilia celebra il ritorno della Targa Florio Motociclistica

Fulcro del progetto e la mostra ''Il Ruggito della velocita'. Miti e modernita' della Targa Florio motociclistica'' che si aprira' il 15 dicembre al Real Albergo dei Poveri, incentrata sul mito del pilota e dei motori, sulla storia delle moto e del contesto socio-culturale in cui si inseriscono, con particolare riferimento allo slancio positivista dominante la cultura italiana ed europea agli inizi del Novecento, legata al progresso tecnologico e al culto della velocita'. Nella serata inaugurale si terra' un concerto dell'Ensemble dell'Orchestra Sinfonica Siciliana. Nell'esposizione viene proposta al pubblico una selezione di motociclette storiche provenienti da collezionisti privati, insieme ad alcuni motori aeronautici, databili tra gli anni '20 e '40 di proprieta' del Museo dei motori dell'Ateneo palermitano. Il mezzo meccanico, infatti, nella cultura italiana del Novecento e stato un vero e proprio motore propulsore della societa' che ha innescato profondi cambiamenti in tutti i settori della vita del Paese indirizzando anche le trasformazioni dell'arte e del costume.

I riflessi del mito della velocita' nella cultura figurativa dell'epoca sono approfonditi attraverso le opere futuriste e post futuriste di Giacomo Balla, Vittorio Corona, Pippo Rizzo, Tato, Fortunato Depero e Lazzaro Spallanzani, alcune per la prima volta esposte al pubblico in questo contesto, provenienti da importanti musei, quali il Mart di Rovereto e collezioni private. Il tema e declinato anche nell'arte contemporanea attraverso una selezione di opere e video. In particolare, il fotografo Sandro Scalia e l'artista Gianfranco Maranto interpretano il territorio madonita e il mito della velocita' con una installazione site-specific.

Nell'ottica di una maggiore apertura e coinvolgimento del pubblico piu' giovane, tra novembre e dicembre, alla sala del refettorio del Real Albergo dei Poveri, si svolgeranno degli open studio in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Palermo. All'interno del percorso espositivo verra' proiettato il video ''Tutti morimmo a stento'' dell'artista Elisabetta Benassi che ha fatto della motocicletta uno dei temi ispiratori della sua produzione.

Per promuovere e diffondere la conoscenza del ricchissimo patrimonio delle Madonie, scenario della Targa Florio, negli spazi dell'Albergo dei Poveri un corner sara' dedicato a MUSEA, la rete dei musei madoniti, di cui in museo civico di Castelbuono e capofila, creata per condividere esperienze e progetti di valorizzazione integrata di uno dei paesaggi culturali piu' straordinari della Sicilia.

A partire dall'8 novembre e fino al 13 dicembre a Palazzo Montalbo (via dell'Arsenale), ogni mercoledi' sono in programma una serie di conversazioni tenute da esperti e dedicate ai temi della mostra.

Venerdi' 10 novembre alla Biblioteca Centrale della Regione siciliana si inaugurera' una preview della mostra Il ruggito della velocita' con una selezione di libri e documenti storici dedicati alla Targa Florio motociclistica e al Futurismo.

A chiusura dell'esposizione, venerdi' 12 gennaio, negli spazi della Tonnara Florio verra' proposta una serata futurista a cura di Francesco Giordano e Francesco Andolina: una performance provocatoria per mettere in luce gli aspetti irriverenti del movimento futurista attraverso recital, musiche e partiture del periodo, immagini e registrazioni originali.